Controllo della piralide del mais

  • Condividi Questo
Emily Baldwin

Originariamente trovato vicino a Boston, nel Massachusetts, nel 1917, questo parassita distruttivo è ora comune in gran parte del paese. Scoprite qui come identificare e sbarazzarvi della piralide del mais.

Un importante parassita del mais, la piralide ( Ostrinia nubilalis ) si nutre anche di oltre 300 piante da giardino diverse, tra cui peperoni, fagioli, patate, pomodori, mele e gladioli. I danni al mais sono causati dalle giovani larve che rosicchiano foglie e nappe. In seguito scavano gallerie in tutte le parti degli steli e delle spighe, con conseguente riduzione del vigore della pianta, rottura degli steli, scarso sviluppo delle spighe e caduta delle spighe. Altre colture sono danneggiate principalmente dalle gallerie delle larve.steli, baccelli o gambi da parte delle larve.

Identificazione

Le larve di piralide completamente cresciute (lunghe tra i 3 e i 4 centimetri) sono bruchi color carne estremamente distruttivi, con la testa rossastra o marrone scuro e diverse macchie distinte sulla parte superiore di ciascun anello o segmento addominale. La piralide adulta è una falena notturna di colore giallo-marrone (apertura alare di 1 pollice) con bande scure ondulate sulle ali.

Nota : La piralide del mais è arrivata negli Stati Uniti molto probabilmente all'inizio del Novecento, in mais importato che veniva utilizzato per produrre scope.

Ciclo di vita

Le larve adulte passano l'inverno nascoste nelle stoppie di mais o in altre parti delle piante di cui si sono nutrite. L'accoppiamento avviene in tarda primavera e le falene adulte compaiono in maggio e giugno. Una volta mature, le femmine iniziano a deporre ammassi di uova bianche sulla pagina inferiore delle foglie delle piante ospiti (le femmine adulte possono deporre fino a 500 uova nel corso della loro breve vita).Le uova della prima generazione si schiudono in 3-7 giorni. I piccoli bruchi iniziano a nutrirsi delle piante ospiti e completano il loro sviluppo in 3-4 settimane. L'accoppiamento avviene in profondità all'interno degli steli di mais e le falene della seconda generazione emergono e iniziano a deporre le uova all'inizio dell'estate. Produce 1-3 generazioni all'anno a seconda del clima.

Nota: Le piralidi di seconda generazione sono considerate le più dannose per il mais.

Come controllare

  1. Triturare e arare gli stocchi di mais nei campi in cui svernano le piralidi o nelle loro vicinanze, in autunno o all'inizio della primavera, prima che emergano gli adulti.
  2. Utilizzare trappole a feromoni per determinare il periodo di volo principale delle falene, quindi rilasciare vespe tricogramma per distruggere le uova.
  3. Gli insetti benefici, come le coccinelle e le larve di tordo, consumano un gran numero di uova di piralide.
  4. Trattare frequentemente la seta con Garden Dust ( Bt-kurstaki ) o Monterey Garden Insect Spray ( spinosad) Ripetere le applicazioni ogni 4-5 giorni fino a quando le nappe diventano marroni.
  5. Utilizzate gli insetticidi biologici solo come ultima risorsa.

Nota: Le coccinelle consumano quasi 60 uova di piralide al giorno, mentre le cimici, le coccinelle, i ragni e le larve di mosca si nutrono dei giovani bruchi.

Suggerimento per i coltivatori:

Controllate le erbacce vicine per ridurre al minimo il numero di piralidi nel vostro giardino. Le falene sono attratte da queste aree dove si riposano e si accoppiano, con un conseguente aumento proporzionale delle uova deposte. Pianeta Naturale offre un'ampia scelta di erbicidi biologici che non danneggiano la vostra salute... o il vostro terreno.

Prodotti consigliati

Trichogramma Vespe

Questa piccola vespa parassita (1/50 di pollice) attacca le uova dei bruchi che mangiano le foglie.

Coccinelle

Questa specie autoctona di coccinella è il più noto predatore da giardino disponibile.

Bt kurstaki (Bt-k)

Il prodotto più efficace e meno tossico disponibile per i bruchi mangiatori di foglie.

Pomodoro & Verdura

Efficace contro afidi, bruchi, coleotteri delle patate, pulci e altro ancora!

Emily Baldwin è un'appassionata di natura con una passione per il giardinaggio. Orticoltrice di formazione, ha diversi anni di esperienza nella lavorazione delle piante e del verde in vari contesti, inclusi parchi pubblici e giardini privati. Con un occhio attento ai dettagli e un talento naturale per il design, Emily è in grado di creare splendidi spazi esterni esteticamente gradevoli e funzionali. Il suo blog, Garden Blog, è una piattaforma in cui condivide le sue conoscenze e competenze su tutto ciò che riguarda il giardinaggio, inclusi suggerimenti, trucchi e progetti fai-da-te. Che tu sia un giardiniere esperto o un principiante che cerca di iniziare il tuo primo giardino, il blog di Emily fornisce preziose informazioni e ispirazione per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di giardinaggio.